Qui la vacanza non ha stagioni

Bellezza e natura, sport e attrazioni turistiche tutto l’anno, anche grazie all’Alpe di Siusi Marketing

L’Altipiano Alpe di Siusi. Castelrotto, Siusi, Fiè allo Sciliar e Tires al Catinaccio: un territorio di straordinaria bellezza che ha saputo dire addio alle mezze stagioni. Questo paradiso di 56 chilometri quadrati è capace di attirare turisti tutto l’anno, senza snaturare cultura e tradizioni locali, nè violentare la natura. Dietro a tutto ciò c’è il lavoro di promozione e di valorizzazione svolto da Alpe di Siusi Marketing. “La natura ci ha dato una grossa mano. Come tutti sanno, il nostro territorio comprende il Parco Sciliar-Catinaccio e come il resto delle Dolomiti è annoverato nel Patrimonio dell’Umanità Unesco. La bellezza è fuori discussione, ma con le associazioni turistiche dei 5 paesi ci stiamo dando molto da fare perché sia vissuto in ogni stagione e l’ospitalità mantenga quegli standard di qualità che da tempo sono una prerogativa dell’Alto Adige”. Romina Glira è responsabile per il marketing dell’area vacanze Alpe di Siusi. Il “darsi da fare” si è concretizzato in un calendario di eventi capaci di raggiungere qualsiasi tipo di pubblico. A cominciare dai giovani.“Dal 23 al 28 gennaio prossimo, avremo le gare di Coppa del Mondo Slopestyle all’Alpe di Siusi Snowpark. Sarà un’occasione straordinaria per ammirare i migliori freestyler del mondo, sia su sci che su snowboard, impegnati in prove di qualificazioni per le Olimpiadi del 2018. Un appuntamento imperdibile per questa disciplina estrema”. Gli amanti dello sci tradizionale possono contare su un comprensorio di bellezza unica e grandi numeri. “Ambiente e clima sono straordinari. In sinergia con la Val Gardena possiamo offrire 175 km di piste con 80 impianti di risalita per lo sci alpino. A questi vanno aggiunti i 130 km di piste per lo sci di fondo, una disciplina che permette di immergersi nella bellezza e nel silenzio della nostra natura”. Anche le famiglie sono particolarmente coccolate da queste parti. “L’Alpe di Siusi – spiega Glira – è un comprensorio variopinto, ideale sia per sciatori bravi sia per i bambini alle prime armi. Offriamo piste ampie e assolate e impianti di risalita molto agevoli. Tutti possono trovare la propria dimensione e gli spazi più congeniali”. Le attività outdoor invernali sono sostenute da un ricco calendario di eventi.“Puntiamo ad arricchire l’esperienza con iniziative uniche per rendere indimenticabile, ma allo stesso tempo ripetibile, il soggiorno nel nostro territorio. Penso ai festival per i bambini a inizio e fine stagione, e alla Moonlight Classic, la manifestazione di sci di fondo che si disputa in notturna, sulle distanze dei 15 e dei 30 km. Provate a immaginare il silenzio della notte rotto solo dal rumore degli sci e del respiro dei partecipanti”. L’appuntamento è il 10 febbraio alle ore 20. E se tutto questo non basta ad affascinare, Alpe di Siusi Marketing ha in serbo altre due affascinanti iniziative. “La prima è la Dolovino, in programma domenica 12 marzo. Con gli sci o a piedi si raggiungono le 4 malghe. In ciascuna ci si ferma a degustare dell’ottimo vino altoatesino accompagnandolo con assaggi di prodotti locali”. La seconda è una chicca che unisce passione per lo sci e musica. “Si tratta di Swing on Snow, che nel 2017 arriverà alla dodicesima edizione. Ormai è un classico della nostra offerta turistico- culturale. È in programma dal 19 al 26 marzo e la formula è collaudata: le band suonano al mattino sulle piste per poi trasferirsi nella pausa pranzo nelle baite dell’Alpe di Siusi. La sera, musica a volontà nei locali di Castelrotto, Siusi, Fiè allo Sciliar e Tires al Catinaccio, per una serie di concerti after-hour. I concerti sono gratuiti e non bisogna riservare i posti”. Non solo sci. Inverno all’Alpe di Siusi significa anche escursioni con le ciaspole, slittino, pattinaggio, gite in carrozza e per i più coraggiosi, scialpinismo e parapendio. Con l’arrivo della bella stagione, invece, sarà di nuovo tempo per il running, l’arrampicata, la mountain bike, le escursioni a piedi e a cavallo. “Non ci sono stagioni meno importanti qui da noi – prosegue Romina Glira -. Solo la possibilità di vivere il tempo libero nella massima libertà. Ci sono strutture ricettive a gestione familiare che offrono ottimi standard qualità-prezzo e sanno rispondere alle esigenze e alla disponibilità di ogni turista”. L’area vacanze Alpe di Siusi è la realizzazione del sogno di “lusso democratico” che accomuna molti turisti europei. “Il nostro bacino d’utenza – spiega Glira – proviene in gran parte da Germania e Italia. Noi offriamo l’organizzazione e i servizi efficienti al giusto prezzo. La sfida però la vinciamo a tavola, proponendo una cucina alpinamediterranea, che interpreta in chiave moderna e creativa i piatti della tradizione, abbinati ai nostri grandi vini. E in questo l’Italia non ha rivali”. Anche dal punto di vista enogastronomico è sempre alta stagione. “Per noi da ottobre all’inizio dell’Avvento è tempo di Törggelen: si va in giro per masi ad assaggiare caldarroste, mosto dolce e vino novello immersi in una piacevole atmosfera. O se preferite Kaminwurzen (salamini affumicati), speck, Schüttelbrot (pane di segale croccante) o un sostanzioso piatto misto di carne e insaccati come portata principale”.