Numero di Marzo 2012

Città d’Italia, perle preziose e imperfette di enorme bellezza

Se il losofo Tommaso Campanella, per avere preconizzato nella sua “Città del sole”
(1602) una società ideale, fu chiuso in prigione e poi in manicomio, oggi è sufciente
ammettere a noi stessi che, per quanto desiderabile, una città ideale rappresenta
un’utopia impossibile da realizzare. Sarebbe come pretendere di avere una donna
perfetta, priva di ogni difetto, quasi astratta nella sua perfezione e perciò irreale. Ci
sono però in Italia tantissime città, grandi o piccole ma tutte invariabilmente bellissime:
certo, ognuna di queste città e borghi ha qualche piccolo difettuccio, magari anche
più d’uno, ma ha anche un suo patrimonio di arte, cultura, enogastronomia, tradizioni,
imprenditorialità, artigianato tipico e bellezze naturali assolutamente ineguagliabile.
Tutto sta, ovviamente, nel saper cogliere il bello lasciandosi scivolare addosso gli
occasionali aspetti negativi. Parallelamente il mio pensiero corre a Lucio Dalla, più
che un semplice cantautore un vero e proprio artista e cultore dell’arte e del bello, la
cui musica ha accompagnato generazioni di ascoltatori e che ci ha improvvisamente
lasciati alcuni giorni fa: alla domanda “La vita premia chi lo merita?” Lucio rispose “No!
Premia chi capisce, chi si rende conto di quello che ha!”. Ecco, anche noi dovremmo,
con umiltà, renderci conto della bellezza che ci circonda e quasi sommerge da ogni
parte, ignorando volutamente qualche piccolo difetto per valorizzare al meglio ciò che
abbiamo. In questo numero di Italia Più inizieremo con uno Speciale sul Vino, uno dei
prodotti di punta del Veneto, che includerà un’intervista al presidente della Regione
Luca Zaia per poi farci scoprire le tecniche di produzione della VCR – Vivai Cooperativi di
Rauscedo e i vini d’eccellenza della Cantina Il Pollenza del Conte Aldo Brachetti-Peretti.
Ci sposteremo poi in Alto Adige per scoprire Bolzano, la porta delle Dolomiti, e di lì in
Friuli-Venezia Giulia con un tto calendario di appuntamenti primaverili a cavallo fra storia
e folklore. Seguirà uno speciale su un’altra eccellenza italiana, la ceramica artistica,
realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Città della Ceramica, e poi via
in Piemonte, per una primavera fra Langhe e Roero, in Lombardia, alla scoperta delle
bellezze artistiche e naturali del Mantovano e ancora uno speciale, stavolta dedicato al
Vinitaly di Verona e alle Città del Vino. Per la Campania apprezzeremo Positano, una delle
perle della Costiera Amaltana, per la Puglia scenderemo lungo l’antica Via Appia no a
Brindisi mentre in Sicilia scopriremo le “capitali” del Barocco sui Monti Iblei e in Veneto
chiuderemo con un excursus sui progetti di riqualicazione del Polesine.
Auguro a tutti una buona lettura e arrivederci al prossimo numero