GIUGNO 2019

Il tappone in salita dell’Italia per uscire dalla crisi

Di questi tempi, nonostante siamo a fine maggio, sembra di essere ai primi di novembre: credo che a memoria non si ricordi un anno nel quale, in questo periodo della stagione, tutta l’Italia sia stata letteralmente flagellata dal maltempo come è ora, con tutte le conseguenze negative che ne discendono. È  però vero che, come avrebbe detto Confucio, è in momenti difficili come questi che si vede il reale valore di una persona, di un’organizzazione, di una nazione. Contemporaneamente si sta svolgendo il Giro d’Italia, e proprio a causa del meteo impazzito è capitato come mai prima d’ora di assistere alla disputa del mitico tappone del Mortirolo in condizioni al limite del praticabile. Eppure era bellissimo vedere questi ciclisti, che a mio modo di vedere rappresentano l’effigie più nobile della fatica, intenti a scalare la montagna come se nulla fosse, tenendo duro in vista del traguardo. Ecco, questi ciclisti secondo me devono essere la fotografia dell’Italia di oggi, un’Italia che pedala in salita, magari con grande fatica e inenarrabili sacrifici, per risollevarsi dalla crisi, ben conscia che alla fine di ogni salita c’è sempre una discesa. E la strada per il successo, quello vero, è sempre in salita. C’è una sfida da raccogliere: le sfide non le scegliamo noi, semmai sono loro che ci scelgono, e vanno accettate consapevolmente. Di più: quando siamo scelti per una sfida dobbiamo sentirci lusingati, perché evidentemente ne siamo considerati all’altezza. L’Italia è fatta di grandi valori, che le consentono di affrontare e vincere qualsiasi sfida: dobbiamo soltanto unire le forze e farci avanti. Nelle pagine che seguiranno troverete testimonianze di uomini che hanno saputo cogliere e accettare la sfida trasformando i loro sacrifici in storie di successo personale prima ancora che aziendale. In questa edizione di Italia Più ritroveremo il nostro consueto Focus sull’agroalimentare, ormai fiore all’occhiello della pubblicazione, per poi passare alla scoperta di un Friuli-Venezia Giulia in grande spolvero. Da leggere con interesse lo speciale sulla Provincia di Como, terra eccezionale per chi ama passare le vacanze sul lago, per chi invece preferisse la montagna, eccovi alcuni suggerimenti per un’estate all’insegna del relax in Trentino Alto Adige. Da Nord, ci spostiamo a Sud con un servizio dedicato alla splendida Campania. Infine, soprattutto in virtù dell’arrivo della bella stagione, avremo un piccolo dossier sulla Sardegna, terra magnifica di cui anche il grande Fabrizio De Andrè diceva “La vita in Sardegna è forse la migliore che un uomo possa augurarsi: ventiquattro mila chilometri di foreste, di campagne, di coste immerse in un mare miracoloso dovrebbero coincidere con quello che io consiglierei al buon Dio di regalarci come Paradiso”.

Vi auguro una buona lettura