Filosofia che innova la strategia

Conad, tra i leader della Gdo, rinnova il rapporto di fiducia con i clienti. E con l’iniziativa “Il Grande Viaggio” ha attraversato l’Italia per mostrare i prodotti migliori

Ritorno al territorio, recupero delle tradizioni, valorizzazione delle eccellenze e biodiversità. Il nuovo corso di Conad si ispira a questi nuovi capisaldi. Forse il simbolo più autentico di una nuova visione imprenditoriale della Grande Distribuzione Organizzata che appartiene al Consorzio Nazionale Dettaglianti sin dalla sua nascita e ancora oggi si coglie perfettamente in tutte le sue iniziative. L’ultima in ordine di tempo è “Il Grande Viaggio”, una sorta di festa di piazza che Conad ha proposto con grande successo in un giro d’Italia in sei tappe, da Cosenza dove ha avuto inizio, fino a Treviso dove si è concluso, toccando Pescara, Parma, Alba e Grosseto in un abbraccio simbolico di culture, territori e tradizioni lanciato da un’insegna credibile, autorevole e sempre più vicina agli italiani. Anzi, letteralmente sta vicino a loro perché se c’è una cosa che distingue davvero Conad nell’ambito della Gdo è proprio la vicinanza con le persone e il territorio. Un senso di appartenenza che si coglie perfettamente, specie nella straordinaria provincia italiana, in quella forte riconoscibilità con l’insegna commerciale nata grazie a un rapporto consolidato da oltre 50 anni di impegno e di sostegno verso il territorio. Una forza e una visione imprenditoriale che abbraccia con un solo colpo d’occhio l’Italia migliore, da nord a sud e che ha permesso al Consorzio di rafforzare la sua indiscussa leadership nei supermercati e nel libero servizio grazie a proposte sempre nuove e differenti, perfette per clienti sempre più informati ed esigenti. “La fiducia di cui godiamo – spiega Francesco Pugliese, amministratore delegato di Conad – sappiamo bene che dobbiamo meritarcela giorno dopo giorno con gesti e azioni concrete perché è questo che i nostri consumatori si aspettano sempre da noi”. E proprio di fatti concreti e facilmente percepibili Conad riempie ogni giorno i propri scaffali. Uno su tutti la linea “Sapori&Dintorni” che premia i prodotti tipicamente italiani come, per esempio, i limoni di Amalfi , le ciliegie di Vignola o le mele Igp dell’Alto Adige, valorizzando in questo modo le aziende locali e consentendo alle stesse di fruire di canali di vendita prima impensabili per dimensioni e distribuzione nazionale. “Questo è il ruolo che la Gdo deve riuscire ad avere nei confronti degli italiani. Noi siamo il canale che tutela la sicurezza alimentare, garantisce il prezzo migliore e valorizza le produzioni locali. In altre parole – precisa Pugliese – per Conad l’attenzione all’immagine sul piano dell’offerta commerciale si deve sempre coniugare con una forte politica di responsabilità sociale che coinvolge direttamente anche i piccoli produttori locali e i clienti. È un impegno etico, sociale e ambientale che appartiene da sempre al nostro stesso Dna commerciale”. L’altro grande terreno di innovazione, dicevamo, è stato ben illustrato dall’iniziativa “Il Grande Viaggio”. In questo modo Conad non solo ha pubblicizzato i suoi prodotti migliori e la sua filosofia di vendita, ma ha fatto qualcosa di più e di meglio facendosi promotore di relazioni e di incontri tra le persone nelle piazze e nei luoghi storicamente dedicati a questo. Insomma, di fatto viene così superata anche quella critica che nel tempo è stata rivolta alla Gdo, accusata spesso di svuotare i meravigliosi centri storici delle nostre città per catalizzare movimento economico e flussi di traffico verso i grandi centri commerciali posti in periferia. “L’idea de “Il Grande Viaggio” – sottolinea Pugliese – è nata proprio per dialogare con le persone: per parlare con loro di quei temi che testano la voglia e la capacità di crescere del Paese. Ed è stato deciso di farlo a casa loro, nelle loro bellissime piazze e in tutti quei luoghi che storicamente sono deputati proprio al confronto delle idee, dove discutere e confrontarsi sui problemi della comunità, creare relazioni interpersonali, esprimere opinioni. Per “costruire” fiducia nel nostro Paese, con energia, positività e ottimismo”. Insomma, se qualcuno pensava che anche nella Grande Distribuzione Alimentare i giochi fossero ormai fatti, deve ricredersi. La smentita arriva da Conad che ancora una volta ha saputo stupire tutti i consumatori e un mercato ormai consolidato, rafforzando la convinzione che l’insegna Conad si caratterizzi molto più sul piano della “filosofia” proposta ai clienti piuttosto che sulla semplice offerta commerciale. Attraverso Conad si moltiplicano sempre di più le occasioni di contatto e d’incontro tra l’insegna e i propri clienti. Una scelta sostenuta dall’idea di avvicinare i punti vendita ai clienti, più supermercati e sempre meno Iper, e rafforzata ora dal nuovo concept de “Il Grande Viaggio” dove lo scambio di idee e informazioni ha regalato momenti di esperienza nuovi e stimolanti, rendendo i punti vendita Conad dei veri e propri centri di relazione e vita sociale, non solo punti di acquisto.