Efficienza energetica ed ecocompatibilità

Sono questi gli aspetti imprescindibili di Fimap, leader della produzione di macchine professionali per la pulizia dei pavimenti

Nel mondo della pulizia industriale c’è un modo di vedere tutto nuovo, quasi rivoluzionario capace di porre al centro dell’attenzione e sullo stesso livello la salute delle persone e dell’ambiente. Un punto di vista avanzato legato alla green cleaning più attuale dove le logiche di ecosostenibilità e rispetto dell’ambiente sono strettamente correlate al benessere delle persone.
Ed esattamente questo è da molti anni il focus aziendale di Fimap, leader internazionale nella progettazione e produzione di macchine professionali per la pulizia dei pavimenti, con sede a Santa Maria di Zevio in provincia di Verona.
“Da molto tempo ormai – spiega l’amministratore delegato di Fimap, Massimiliano Ruffo – la pulizia professionale investe in modo determinante tutti gli ambiti del nostro vivere quotidiano dalle scuole alle strutture sanitarie, dagli alberghi agli uffici pubblici, dalle strutture sportive all’industria o la grande distribuzione. Pulire correttamente questi spazi significa quindi garantire la salute di tutti noi e di conseguenza la qualità della vita di chi li utilizza e per questo motivo è necessario potersi affidare a macchinari tecnologicamente avanzati, prodotti di altissima qualità e in grado di ottimizzare qualsiasi esigenza del cliente. Esattamente quello che offriamo noi da oltre 25 anni. Nel tempo poi la pulizia professionale ha avuto anche una forte evoluzione “verde”. Ed oggi tutta la nostra ampia gamma di prodotti quali le lavasciuga pavimenti, le spazzatrici, gli aspiratori o le monospazzole sono in grado di minimizzare l’impatto ambientale rispettando al tempo stesso tutti i processi operativi e le più severe norme legate alla pulizia industriale. Questo ci ha consentito di ottenere importanti certificazioni sia nazionali che internazionali diventando rapidamente il principale riferimento per chiunque, pubblico o privato che sia, debba garantire eccellenti standard operativi e qualitativi “.
La forte spinta all’innovazione è stata la vera molla che ha consentito a Fimap di conquistare rapidamente una precisa leadership nel settore. Ma oltre alle performance operative e alle funzionalità aggiuntive delle macchine a marchio Fimap, il nuovo must si chiama sostenibilità.“Abbiamo sempre creduto nell’innovazione come un mezzo concreto per migliorare le prestazioni dei nostri prodotti convinti che si possano raggiungere sempre più alti standard di pulito con minori consumi sia in termini economici che ambientali. Questo – prosegue Massimiliano Ruffo – si è tradotto nella ricerca di nuove referenze e nuove applicazioni che potessero alzare i livelli di igienizzazione degli ambienti garantendo al cliente più produttività riducendo al tempo stesso i costi e i consumi ed eliminando gli sprechi.
Ovviamente anche quelli energetici. Quindi nel massimo rispetto per l’ambiente”.
Fedele ad una visione green che le appartiene da sempre, Fimap conferma dunque che proprio questa è attualmente la vera locomotiva del settore delle pulizie professionali. Una sensibilità di cui l’azienda veronese ha saputo farsi interprete nei confronti di una clientela sempre più esigente e che al momento della scelta punta con decisione anche sulle caratteristiche eco-compatibili dei prodotti da acquistare. “Ed infatti – spiega ancora Ruffo – con le attrezzature Fimap non si parla solo un linguaggio fatto di grande robustezza, massima qualità nella pulizia e ottimizzazione delle risorse, ma anche di riduzione dell’impatto ambientale grazie a precise scelte nell’intera filiera produttiva dunque partendo da una scelta responsabile dei materiali utilizzati in fase di produzione fino alla fase conclusiva di smaltimento. Un percorso virtuoso completo che ci è riconosciuto sia in termini di qualità che di sicurezza e che ci pone ai vertici assoluti della green cleaning internazionale in fatto di prodotti sostenibili per l’uomo e per l’ambiente“.
La tematica ambientale si conferma dunque un tema sensibile e sempre più importante nell’evoluzione dell’economia mondiale. Un trend che ha permesso a Fimap di diventare un preciso punto di riferimento nel suo settore ed uno dei principali competitor internazionali. Una competitività conquistata a suon di innovazione, soluzioni e servizi all’avanguardia.
“In questi anni – conclude l’AD Massimiliano Ruffo – abbiamo concentrato i nostri sforzi e investito molte energie anche per consolidare la nostra rete di vendita sia a livello nazionale che internazionale cercando di offrire al mercato una visione chiara di cosa significa scegliere un prodotto Fimap. Una scelta che deve appunto essere basata non solo sulla qualità riconosciuta delle nostre macchine, ma anche sul servizio post vendita, sull’assistenza in tutto il mondo e sui programmi di manutenzione. Vantaggi concreti a favore dei nostri clienti che hanno permesso a Fimap di diventare non solo un’opportunità ma una precisa scelta. La scelta di chi vuole fare pulito in modo moderno e green”.