Numeri da grande azienda

Grazie agli investimenti, Nuova Castelli ha affermato la sua leadership nella produzione dei grandi formaggi italiani

Con un fatturato di oltre 500 milioni di euro, più di mille dipendenti e 20 stabilimenti solo in Italia, per la produzione, il confezionamento e la stagionatura di formaggio, Nuova Castelli si può considerare oggi l’azienda leader nel settore della produzione dei grandi formaggi Dop italiani. Il quartier generale da dove vengono gestite tutte le operazioni si trova a Reggio Emilia, ma sono diverse le sedi in Italia e all’estero. È recente l’acquisizione del 100% di Alival Spa, operazione che ha portato alla nascita di una nuova realtà leader nella produzione e nella distribuzione di formaggi Dop e Stg. Nuova Castelli ha una storia di oltre un secolo: fondata nel 1892, ha iniziato la propria attività nella produzione di gorgonzola e taleggio. È del 1988 l’acquisizione dell’azienda da parte della famiglia Bigi che, con un forte lavoro basato sulla lungimiranza, ha permesso al gruppo di crescere in maniera esponenziale. Il 2014 è uno degli anni chiave per l’ampliamento della realtà, dal momento che Charterhouse Capital Partners, fondo europeo di private equity, acquista l’80% di Nuova Castelli con l’obiettivo di migliorare la struttura del management, consolidare la leadership nella produzione di formaggi Dop ed entrare con questi su nuovi mercati. E, dopo appena un anno, Nuova Castelli procede all’acquisto della toscana Alival e North Coast, azienda polacca nata nel 1992 e specializzata nella distribuzione di prodotti alimentari di alta qualità. L’azienda si è progressivamente espansa nel corso degli anni, acquisendo la proprietà di caseifici per la produzione di parmigiano reggiano e grana padano che, insieme a gorgonzola, taleggio, mozzarella di bufala campana, pecorino toscano e mozzarella Stg, rappresentano i fiori all’occhiello di una gamma unica in Italia per qualità e ampiezza. La sede centrale di Reggio Emilia controlla una vasta rete di sussidiarie in Francia, Regno Unito, Germania, Scandinavia e Russia. L’azienda opera con 8 tra impianti di produzione e centri di stagionatura e confezionamento in Italia e un impianto in Ungheria per la produzione di formaggio a pasta dura. Oggi Nuova Castelli realizza oltre l’80% del fatturato fuori dai confini italiani, ed è il primo esportatore di formaggi Dop del Paese, con il mercato europeo che rappresenta complessivamente il 95% delle vendite totali. A farla da padrona è la Francia, con il 37% del fatturato del gruppo, seguita da Uk (32%) e Italia (17%). Il restante 14% è composto dagli altri Paesi europei. Questi numeri hanno spinto l’amministratore delegato Luigi Fici, a pensare a una possibile quotazione alla borsa di Milano, definendola “uno sbocco naturale per crescere alla luce di un passaggio da una gestione a carattere familiare a uno manageriale”. Nuova Castelli, in Italia, al di là di Reggio Emilia – dove, oltre a monitorare tutte le attività del gruppo, ci sono gli stabilimenti di produzione e confezionamento del parmigiano reggiano – ha sedi a Pavia, per la produzione e il confezionamento del grana padano, ad Abbiategrasso e Garbagna Novarese, dove viene prodotto e confezionato il gorgonzola e il taleggio, Ponte Buggianese e Porcari (sedi di Alival) per la produzione di mozzarella, ricotta e pecorino. Questi ultimi due formaggi vengono prodotti negli stabilimenti di Pienza e Casteldelpiano, mentre i formaggi a pasta filata a Reggio Calabria e a Caserta – sede del brand Mozzarella Mandara, altro marchio del gruppo -. All’estero gli unici due stabilimenti di produzione si trovano, come già anticipato, in Ungheria e in Polonia – rispettivamente per i formaggi a pasta dura e a pasta filata -, mentre nelle altre sedi fa capo unicamente la distribuzione nei mercati di riferimento. Quelle europee si trovano in Irlanda, Inghilterra, Francia, Germania, Svezia, Russia e Polonia. Tutti gli stabilimenti sono dotati delle rigide e severe certificazioni di qualità e rispettano gli standard in materia alimentare. “Grazie al contributo del nuovo socio Charterhouse Capital Partners, – afferma Fici -, Nuova Castelli si propone di consolidare la presenza nel settore dei formaggi Dop nelle aree italiane ed europee nelle quali siamo già presenti, e sviluppare la vendita in nuove aree geografiche, come Cina e America. Il nostro piano industriale prevede un ambizioso programma di crescita, attraverso acquisizioni che consentiranno di ampliare la gamma di prodotti ed entrare con decisione in mercati dagli alti tassi di sviluppo”.