Lusso e benessere immersi nel verde: Palazzo di Varignana, elegantissima armonia fra tradizione e innovazione

Lasciando sullo sfondo i rumori della città e il traffico della via Emilia, a metà strada tra Castel San Pietro Terme e Bologna, si sale sui dolci e verdeggianti declivi di Varignana, antico borgo risalente all’epoca romana un tempo conosciuto come Claterna. In cima al colle, lo sguardo si perde a scrutare un panorama unico su campi coltivati, calanchi e valli. È nella cornice di questo spettacolo naturale che sorge Palazzo di Varignana Resort & Spa: circondato da trenta ettari di parco, nasce attorno a Palazzo Bargellini-Bentivoglio, dimora storica voluta dal Conte Bargellini nel 1705 e si sviluppa su diversi complessi perfettamente integrati nella collina richiamando il moderno concept di ospitalità diffusa. L’imponente opera di restauro ha scelto di conservare il profondo legame con il territorio: gli spazi sono stati infatti ristrutturati secondo un principio conservativo, lo stile è stato mantenuto, i materiali di costruzione originari rispettati, per una struttura in cui dominano le nuance della terra, del legno e della pietra. Qui l’illuminazione naturale e quella artificiale si fondono danzando armoniose in una sinfonia perfetta con il contesto architettonico. Le larghe vetrate che dominano gli spazi architettonici del resort, riflettono la luce dei tanti specchi d’acqua attraversati da ponticelli in legno che conferiscono al parco suggestioni zen per conciliare un senso di tranquillità, immobilità e calma. La vision gastronomica Le suggestioni culinarie della gastronomia bolognese, la qualità degli ingredienti e la raffinatezza degli allestimenti trasformano ogni cena in un’autentica esperienza dei sensi nel più elegante edificio del Resort, il Ristorante gourmet “Il Palazzo”, che propone una rivisitazione, in chiave moderna, della cucina tradizionale. Per assaporare una cucina semplice e leggera, invece, il luogo ideale è il Pool & Lounge Restaurant, immerso nel verde del parco di Palazzo di Varignana, con luminose pareti a vetrata e affacciato sulla piscina e sui giochi d’acqua del solarium. Wellness e natura Un altro vanto del resort è “VarSana Spa”, 1.900 mq di puro benessere e relax tra piscine con getti e lama d’acqua, docce sensoriali, bio-sauna e molti altri. Nel corso del 2015 Palazzo di Varignana Resort & Spa ha implementato i servizi e gli spazi per i propri ospiti inaugurando nuovi campi da tennis, squash e paddle di “VarSana Sport”, integrati nel pieno rispetto del territorio, adiacenti al percorso vita e alle piscine esterne. Nel settembre 2015 è stato inaugurato anche il suggestivo Giardino di Palazzo di Varignana, parte dell’importante network “Grandi Giardini Italiani”, dimora di una collezione di querce: 100 esemplari con 76 specie diverse, uno dei patrimoni arborei più importanti in Italia. Palazzo di Varignana Resort & Spa è un progetto in continua evoluzione, con un’attenzione particolare all’integrazione con la straordinaria tradizione e cultura del territorio sul quale sorge, come spiega il Presidente Carlo Gherardi: “Stiamo attualmente ampliando tutte le strutture principali del resort, così da poter ospitare più eventi contemporaneamente, mantenendo i nostri elevati standard qualitativi. Tutte le infrastrutture sono state concepite in modo da essere in totale armonia con il territorio circostante, così da preservare il magnifico panorama che è e rimarrà sempre la cornice privilegiata della nostra struttura”. Nel corso del 2016 il resort vedrà il completamento di un nuovo piano a scomparsa nel cielo nella Sala Belvedere, l’area dedicata alla banqueting, con pareti di cristallo affacciate sullo skyline di Bologna. La riapertura, prevista per giugno, porterà a 920 mq la capienza delle aree dedicate alla banchettistica e a un totale di 1400mq gli spazi congressuali. Anche le attuali piscine esterne verranno affiancate da una nuova ampia vasca con acqua salata aperta tutto l’anno grazie a una cupola di cristallo e di una piccola piscina per bambini. L’area wellness verrà poi completata da un suggestivo percorso vita, che attraverserà tutta la proprietà fino a Villa Amagioia, dimora dotata di un parco privato di 5 ettari con piscina privata, adibita a residenza turistica e composta da due lussuosi appartamenti, che verranno inaugurati proprio questa estate. Anche VarSana Spa riaprirà, dopo i tre mesi di chiusura, nell’ottobre del 2016 con nuove aree, tra cui un hammam e un’area relax giapponese, per un totale di 3.700 mq di comfort tra spazi interni ed esterni. Nel 2017 sarà inaugurato anche un nuovo elegante complesso con 44 camere, di cui tre suite esclusive, e un campo pratica/executive a 4 buche da golf. E ancora, entro il 2020, una decina di poderi dei dintorni, recuperati e riuniti nella Società Agricola Varignana, diventeranno 50 ettari di uliveti (in totale saranno 20 mila piante, una delle quali, già messa a dimora, millenaria), vigneti, frutteti e orti la cui produzione rifornirà di prodotti a Km 0 i ristoranti del resort e il catering Eventi d’eccellenza Fiore all’occhiello degli eventi proposti da Palazzo di Varignana per i propri ospiti è il Varignana Music Festival giunto quest’anno alla sua terza edizione. Di raffinato valore artistico e declinato con un format originale per avvicinare il pubblico ai migliori interpreti internazionali di musica classica, il Varignana Music Festival si propone come kermesse al centro del panorama musicale europeo. Tra gli ospiti annoverati nell’edizione 2016, confermata dall’8 al 16 luglio, ci saranno nomi di spicco internazionale quali Alexander Romanovsky, Alissa Margulis, Alexander Buzlov, il Quintetto d’Archi del Teatro Comunale di Bologna, Antonio Meneses, Quartetto di Cremona, Simon Trpc_eski, Alban Gerhardt, Philipp Kopachevsky, Dmitry Sitkovetsky.