Gli Alpini insieme nel rispetto dell’ambiente

Contarina al ­ fianco delle Penne Nere per organizzare la 90a edizione del più grande evento ecosostenibile dell’anno

Dopo il raduno del 1994, le Penne Nere tornano nel capoluogo della Marca trevigiana. Dal 12 al 14 maggio 2017 Treviso ospiterà infatti la 90a Adunata Nazionale degli Alpini, ribattezzata Adunata del Piave. Quest’anno l’appuntamento riveste un particolare signi­ficato storico per le commemorazioni del Centenario della Grande Guerra nei luoghi simbolo del primo conflitto mondiale: il ­ fiume Piave, Vittorio Veneto, Monte Grappa. Il momento più rappresentativo – come da tradizione – è la s­ lata della domenica, dove convergeranno a Treviso tutte le sezioni alpine d’Italia, che s­fileranno nelle vie del centro storico. Treviso si prepara dunque ad accogliere il più grande evento nazionale alpino che coinvolge l’intera Città, ma anche i Comuni limitrofi­ , con un vasto impatto sul territorio, visto che sono attesi più di 500mila alpini. Tanti sono gli aspetti che la macchina organizzativa – operativa da diversi mesi – dovrà gestire: dalla viabilità alla sicurezza, dagli alloggi ­ no alla logistica e ai trasporti. Tra questi, la gestione dei ri­fiuti che sarà coordinata e gestita da Contarina Spa, società pubblica trevigiana impegnata nel settore dei ri­fiuti e dell’igiene ambientale per il territorio del Consiglio di bacino Priula. “In accordo con il Comitato Organizzatore Adunata – spiega il presidente di Contarina Spa, Franco Zanata – la nostra azienda sarà al ­ anco degli Alpini nella gestione di vari servizi ambientali con l’obiettivo di organizzare un’Adunata ‘riciclona’, raggiungendo il 70% di raccolta differenziata e tutelando, allo stesso tempo, il decoro e la pulizia della città con un presidio costante dei luoghi coinvolti dall’evento”. Non a caso la 90a Adunata Nazionale degli Alpini si svolge nel capoluogo più “riciclone” d’Italia che ha raggiunto l’85% di raccolta differenziata. Inoltre l’evento cade durante “Let’s Clean Up Europe!”, iniziativa promossa dall’Unione Europea che intende sensibilizzare i cittadini dei Paesi membri sull’importanza di mantenere pulito l’ambiente. “Per questa importante occasione – sottolinea nuovamente Franco Zanata -, l’azienda sta organizzando appositi servizi ambientali studiati proprio per supportare adeguatamente l’evento. In particolare, ci sarà una presenza capillare nel territorio di punti di raccolta e verranno attivati servizi personalizzati per le diverse situazioni”. Raccolta dei ri­fiuti e spazzamento stradale, pulizia del territorio e formazione dei volontari: tutto sarà adeguato alle esigenze della manifestazione, tenendo conto della sua particolarità. Gli elementi da considerare per gestire al meglio i ri­fiuti sono molteplici: l’elevato afflusso di persone, variazioni alla viabilità, grande produzione di ri­fiuti. In ogni luogo coinvolto dall’evento (centro storico di Treviso, punti ristoro, attendamenti uf­ficiali e non) verranno predisposti dei punti per la raccolta differenziata dei ri­fiuti prodotti da Alpini, cittadini e visitatori. I ri­fiuti saranno raccolti separatamente: secco residuo, umido, carta, imballaggi in vetro, plastica, metalli. Nei punti di maggior produzione di ri­fiuto, verrà organizzata una raccolta specifica del vetro; inoltre, nelle attività commerciali del settore ristorazione si raccoglieranno a parte anche i tappi di sughero. Per informare gli Alpini di tutta Italia, che arriveranno a Treviso, sulla corretta raccolta differenziata da svolgere durante l’Adunata, verranno allestiti i “Punti Verdi”, spazi presidiati dov’è possibile ricevere informazioni sulla raccolta e sul ciclo dei ri­fiuti. Inoltre, Contarina realizzerà un’apposita campagna di comunicazione rivolta, da un lato, a tutti i partecipanti, dall’altro ai Trevigiani che per tre giorni vedranno modi­ficati i servizi ordinari di raccolta dei ri­fiuti. Grazie alla collaborazione del Conai e dei Consorzi di ­ filiera (CiAl, Comieco, Corepla, Coreve, Ricrea, Rilegno), i ri­ uti prodotti durante l’evento verranno gestiti attraverso una ­ filiera sostenibile. Tutto il materiale raccolto sarà avviato a riciclo per fabbricare nuovi prodotti, risparmiando così materie prime ed energia. A misurare i risultati, e quindi l’effettiva sostenibilità ambientale della manifestazione, ci sarà inoltre il Contatore ambientale, realizzato da Contarina in collaborazione con il Conai. Questo speciale contatore misura i bene ­ ci ambientali, economici e sociali generati dalla corretta gestione dei ri­fiuti attraverso una serie di indicatori, valutando così l’impatto dell’Adunata in termini di: emissioni evitate di CO2, quantità di rifiuti sottratta alla discarica e avviata a riciclo per categoria merceologica, materie prime seconde generate, risparmio idrico ed energetico. L’Adunata 2017 sarà un appuntamento davvero unico e memorabile, a cui Alpini e cittadini potranno partecipare nel segno della festa, ma anche della sostenibilità ambientale. Un grande evento che, grazie all’impegno di tutti, diventerà davvero un’Adunata “riciclona”.