Eccellenza e Innovazione nella food machinery

Cft Group, leader dell’impiantistica alimentare, entra a pieno titolo anche nel settore birra

La food machinery italiana è tra le eccellenze manifatturiere che il mondo ci invidia. In questa speciale classifica l’Emilia Romagna, e in particolare il distretto di Parma, è da sempre ai vertici di un settore che, proprio grazie alla sua forte e riconosciuta vocazione all’agroalimentare, e alla grande capacità di penetrazione nei più importanti mercati mondiali, è riuscito a superare meglio di altri la lunga congiuntura economica negativa. Certo, ancora si naviga a vista, ma i segnali di svolta sono comunque tangibili, specie per quelle aziende che negli anni hanno saputo diversi care il loro business e aprirsi a nuovi mercati. Esattamente come ha fatto anche Cft Food Technology, gruppo con sede a Parma e da decenni leader nel settore dell’impiantistica e del packaging alimentare. Filiera specializzata, grande flessibilità e macchine a misura di cliente sono le caratteristiche salienti di Cft Group, e a raccontarne l’evoluzione e le ultime novità è lo stesso direttore generale, Alessandro Merusi. “La nostra forza è sempre stata la riconosciuta capacità di essere partner o fornitore unico cui af dare lo studio, l’ingnegneria e la realizzazione di linee complete per i vari settori della food machinery. Punto di forza sostenuto da un know how avanzatissimo e da un’assistenza altamente quali cata. L’industria alimentare, con le sue molteplici specializzazioni, è da sempre il nostro focus produttivo, e la nostra preoccupazione è sempre stata quella di declinare i prodotti in base alle reali esigenze della clientela, grazie anche a uno speci co settore dedicato alla ricerca e sviluppo, settore capace, ancora una volta, di premiare la cultura del prodotto made in Italy di qualità”. Nata con la lavorazione del pomodoro di cui è diventata ben presto leder mondiale del segmento, Cft negli anni è dunque cresciuta diversi cando la propria attività in tutti i comparti del food, dal processing, quindi la progettazione e produzione di linee complete per la lavorazione di vegetali, frutta, latte e derivati, al packaging, con lo studio e la successiva produzione di linee di confezionamento dei prodotti  niti. In questo modo il Gruppo può ora presentare un portafoglio prodotti assolutamente completo, unico e di altissima qualità dedicato a tutti gli specifici segmenti del beverage e del packaging alimentare e conserviero. Il grande Gruppo parmense è dunque riuscito a creare un vero e proprio network operativo in grado di rispondere singolarmente, ma anche in sinergia e interconnessione con tutte le aziende di riferimento, proprio per offrire al cliente la massima attenzione e qualità operativa. Un altro punto di forza di Cft è la voglia di non fermarsi mai e di ricercare sempre nuovi sviluppi produttivi, grazie anche alla capacità di interpretare e fare proprie le nuove richieste e i trend del mercato. E va esattamente in questa direzione il nuovo servizio dedicato ai produttori di birra, ai quali l’azienda parmense propone una linea completa “dal luppolo al pallet”, modernissima e in grado di offrire i migliori standard di sicurezza e di igienicità. “Recentemente – interviene il presidente del Gruppo, Roberto Catelli – siamo entrati in un nuovo segmento del mercato che si sta rivelando molto interessante, anche perché, seguendo quello che è sempre stato il nostro stile operativo, vogliamo ancora una volta proporci come fornitori unici di linee complete per i produttori di birra, ossia collegando la fase di lavorazione del luppolo e produzione della birra, il cosidetto processing, con la fase  – nale, quindi l’imbottigliamento e il packaging per la successiva distribuzione. Si tratta insomma di una autentica soluzione “chiavi in mano” e modulare, cioè formulata per tutte le esigenze, quindi adatta sia per i birri-  ci artigianali che per i birri ci industriali più conosciuti sia in Italia che all’estero”. E in un momento in cui questa particolare nicchia di mercato sta crescendo esponenzialmente, quello di Cft Group è stato un debutto in grande stile. L’azienda di Parma si è infatti subito inserita con l’autorevolezza che le deriva da decenni di grandi produzioni dedicate alla food machinery, ed è diventata fornitrice di alcuni tra i più importanti e rinomati birri  ci artigianali, come ad esempio, a sottolineare una volta di più il legame che unisce il Gruppo Cft al territorio parmense, il Birri cio del Ducato. “Si tratta di una delle più importanti e premiate brew house del nostro territorio, capace di crescere rapidamente  no a conquistare numerosi premi e attestati di merito che le hanno subito aperto anche il mercato estero. A loro – conclude il direttore generale, Alessandro Merusi – abbiamo recentemente fornito una linea completa di produzione e packaging. Questo ci ha permesso di testare ulteriormente le nostre nuovissime linee produttive, e ora siamo pronti ad affrontare nuove sfide”.