Dal pentolone di casa ai mercati globali: Birra Irias, competenza e i migliori ingredienti

Malti d’orzo tedeschi miscelati con il meglio produzione agricola siciliana. Prima a casa, con pentoloni, fornelloni, grossi cucchiai di legno e termometri. Poi in modo più professionale, con un moderno impianto artigianale della B.B.C. di Possagno (in provincia di Treviso) che all’inizio ha dato anche le dritte giuste. Dal pentolone di casa ai mercati globali Birra Irias. Passione, competenza e i migliori ingredienti Ha cominciato così Salvatore Blandi, fondatore con Massimo Costanzo e Matteo Olivo del marchio Birra Irias: birrificio artigianale di Sant’Agata di Militello che si sta distinguendo sul mercato italiano e con reali prospettive di crescita sui mercati internazionali. L’idea di Blandi, agronomo di 58 anni, non era certo nuova ma l’incontro tra i malti d’orzo Weyermann con il meglio produzione agricola siciliana – arance, fichi d’india, uva di zibibbo, coriandolo e zenzero e altre essenze naturali – è stata vincente. “Da anni realizzavamo produzione casalinga di birre artigianali – spiega Blandi -. I risultati sono stati ottimi: le birre erano gustose e piacevano. Così abbiamo dato una svolta più professionale puntando soprattutto sui nostri migliori prodotti agricoli”. Curiosando sul sito (www.birrairias.com) si scoprono birre come la Ambra (malto di frumento,fiocchi di avena, luppolo, buccia d’arancia, coriandolo, zenzero). Oppure la Al Zabir con Uva Zibibbo) e molte altre ancora, tutte particolarissime tra bionde, scure e rosse. A Torrenova, ai piedi dei Monti Nebrodi, c’è anche un piccolo spaccio dove è possibile gustare le birre accompagnate da prodotti tipici.