Comune di Varenna

Arte che vive, natura che affascina Alla scoperta della particolare bellezza del territorio

Da molti anni Varenna, piccolo borgo oggigiorno ormai conosciutissimo internazionalmente, accoglie, nella sua calma rasserenante, i molti sguardi pieni di stupore e sorpresa dei turisti: le nuove emozioni di un turismo particolare, attento e sensibile. Tanto da essere annoverato fra le 20 località più consigliate d’Italia. È la semplicità di Varenna, di austera linearità medievale e ottocentesca, che rende viva e intima, quasi misteriosa, la sua luce lacustre e insieme montana: spettacolare, nel cambio di colori e atmosfere nelle varie stagioni: si rimane, così, sopraffatti da tanta bellezza. È come se la bellezza stessa diventasse anche una promessa di gioia e felicità futura. Infatti è un dato di realtà che molte coppie di turisti di ogni nazionalità, vogliono ritornare qui, a Varenna, non altrove, a celebrare il loro matrimonio. E buono è anche il benessere al corpo che dona Varenna, la sua purezza ecologica: le fonti d’acqua cristallina, la sua aria non inquinata che scende dalle montagne, fresca in tutte le stagioni, con i suoi boschi rasserenanti, che ben conoscono i piccoli gruppi di amici, semplici camminatori, che vengono dalle città vicine, ogni domenica. Molti con il comodo treno, altri con il traghetto, per respirare un po’ d’aria buona, e lucidarsi a nuovo gli occhi, davanti a panorami festosi, di toccante vastità. In internet i visitatori possono reperire moltissime ed esaurienti “informazioni turistiche” sulle attrattive di Varenna, per trascorrere soggiorni davvero intensi. Mete alberghiere di pregio, ben conosciute in tutto il mondo, sono le sorprendenti Villa Cipressi e Villa Monastero coi loro giardini botanici. Da visitare, poi, le numerose chiese, tra cui S. Giovanni, tra le prime erette sul Lago di Como in pieno medioevo, e la centralissima Piazza San Giorgio, con i suoi concerti e rappresentazioni teatrali. A Varenna si svolgono storici congressi e mostre d’arte, che attirano scienziati e artisti famosi. Di notevole interesse anche gli itinerari escursionistici: la facile e amena passeggiata alla sorgente del Fiumelatte, il torrente più breve d’Italia, e le molte gite montane, in particolare il Sentiero del Viandante, sotto il Castello di Vezio, che evoca la antica leggenda di Teolinda regina Longobarda.