Arance di Milis: buone per natura

È il 1025 e un gruppo di monaci camaldolesi, nel loro girovagare per la penisola, si ferma in Sardegna, a Milis, sulla costa sud-occidentale dell’isola. Provengono dall’Ordine dei Benedettini ma aspirano ad una vita monastica che mescoli la preghiera col lavoro dei campi. Per questo, accanto all’eremo, costruiscono un monastero e una chiesa dedicata a San Paolo. In breve scoprono che quelle terre ricche di acque e accarezzate dai venti di Maestrale sono perfette per la coltivazione di agrumi e così, tra una preghiera e l’altra, si dedicano all’agricoltura, contribuendo al benessere di tutta la comunità.

Mille anni dopo, i monaci non ci sono più, ma rimangono la chiesetta di San Paolo, il Rio Mannu, i venti e le arance di qualità. A coltivarle oggi sono  Antonio e Francesco Ginesu dell’azienda agricola San Paolo che, da cinque generazioni, si tramandano quel prezioso know-how fatto di tanta cura per ogni singola pianta, al punto che saprebbero riconoscere l’albero da cui proviene ogni singolo frutto raccolto senza nessuna forma di meccanizzazione.

Iscriviti alla newsletter

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Mail (richiesto)

Regione (richiesto)

Provincia (richiesto)

Telefono

Azienda

Ai sensi del D.lgs 196/2003, acconsento al trattamento dei dati personali per i fini indicati nell’informativa contenuta nella Privacy Policy

Ai sensi del D.lgs 196/2003 presto consenso all’utilizzo di sistemi di comunicazione con o senza operatore per l’invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazioni commerciali, consapevole di potermi rivolgere in ogni momento al titolare del trattamento (Publiscoop S.r.l.) per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03.